THE LAST STARFIGHTER
Giochi Stellari (1984)
Piattaforma: Movie
Recensione del: 02-01-2008
The Last StarfighterAlex Rogan is a small-town teenager with big-time dreams, Dreams of college...of success...of marrying his girlfriend, Maggie. He's just like everyone else, except Alex has a very special talent... that non one on Earth can appreciate. But, tonight, a mysterious stranger has called on Alex.He's come from a galaxy that's under attack by an alien force. And Alex's unique ability is their last hope.

Questo quanto riporta la locandina di Giochi Stellari originale, cos stato tradotto il titolo in italiano. Contrariamente a quanto viene facile pensare non il primo film ad aver adottato la computer grafica, perch gi in TRON nel 1982 questo era stato fatto, ma sicuramente il primo ad averla adottata nel concetto moderno del termine. Mentre nel film Disney era la realt ad entrare nel mondo virtuale qui la CG viene utilizzata proprio per ricostruire oggetti nella "realt" e c' da dire che per essere nel 1984 questo lavoro stato fatto incredibilmente bene. Alex Rogue una ragazzo che vive in un trailer court (o trailer park) da qualche parte della California dal nome non casuale di Starlite Starbrite, cio un insediamento fatto di roulotte e baracche. Conduce una vita alquanto noiosa tra i vitelloni del posto che scorrazzano nei dintorni nel tentativo di far passare le giornate. Ha una ragazza, Maggie, e il suo sogno quello di abbandonare tutto per avere un futuro migliore. Tra una manutenzione e l'altra da sfogo alla sua frustrazione cimentandosi in un videogioco posizionato proprio fuori il bar del posto, lo Starfighter: Congratulazioni star fighter sei stato reclutato dalla lega stellare per difendere la frontiera contro Xur e l'armata di Kodan. Sei pronto? Preparati alla partenza. Preparati per i bersagli luminosi Starfighter. Praticamente la nostra storia quando eravamo in campeggio con i nostri genitori, che per far passare i pomeriggi stavano incollati cabinato di turno, nel bar dello stabilimento, a macinare punti. Nel mio caso avevo un Time Pilot, ed al massimo potevo essere reclutato per andare ad ingrassare i carrelli. Purtroppo tutti i tentativi di Alex per lasciare la periferia ed andare a studiare in un vero college sono inutili, al che, proprio in una sera di maggior sconforto, in cui riceve il rifiuto dalla banca per un prestito, succede qualcosa di nuovo: batte il record al suo gioco preferito. La scena dove infrange il record in pieno stile pubblicitario Atari con gli annoiati vicini anzianotti pronti a fargli da cornice e ad esultare in maniera ridicola. Molto bene Alex sei stato arruolato, ma da chi? Qui fa la sua comparsa Robert Preston nei panni di Centauri, un galoppino spaziale che si inventato il videogioco per reclutare piloti, ed ora ne ha appena trovato uno. Da notare che il mezzo con cui si presenta la stessa DeLorean che vedremo un anno dopo in Ritorno al Futuro. Negli anni '80 questa macchina era davvero strafiga pure negli states e se non ci credete pensate che qui se eri fortunato avevi la Ritmo. La DeLorean di Centauri purtroppo stata brutalizzata nella sua futurizzazione fino a sembrare un monovolume della renault, comunque una "starcar", targata Rylos, va a 303 miglia orarie sulle strade statali(!), vola, quindi figa. Alex dubbioso ma alla fine accetta di seguire Centauri su Rylos, deve essere stato proprio il fato ad aver scelto lui, pensa, dato che il cabinato di Starfighter neanche era destinato alla Terra (interdetta ai contatti da parte della lega stellare per la sua arretratezza) ma a Vega. Dopo questa precisazione mi sono sempre domandato che tipo di cabinati ci potrebbero essere su Vega. Centauri a questo punto lascia un simuloide al posto del ragazzo, un robot che replica esattamente le su fattezze e movenze, in modo da non creare allarmismi durante la sua assenza. Il regista gioca un p sui modi impacciati del replicante aggiungendo un minimo di humor al film, altrimenti del tutto assente. Ci sarebbe poi da discutere sulla psicologia del replicante totalmente dedito al suo dovere fino al sacrificio senza alcuna esitazione pure sembrando perfettamente senziente, certo che Asimov non deve averle scritte a caso le sue tre leggi della robotica. Giunti sulla base Columbus 3 di Rylos, dove risiede la legione Starfighters, Alex prende coscienza di quello che sta per accadere e gli viene offerta l'occasione di far parte di una elite di combattenti che si accingono a respingere la minaccia di Xur (figlio dello stesso consigliere a capo della difesa) a capo dell'armata di Kodan, che si apprestano ai confini, per mezzo di avveniristici caccia spaziali: i Gunstar. Il ragazzo declina la collaborazione e Centauri lo riporta sulla terra; nel mentre ci si rivela il titolo del film, l'ultimo starfighter, alla frontiera infatti tutta la legione viene annientata in un solo colpo grazie agli infiltrati di Xur. Questo viene a sapere dai suoi informatori che uno sopravvissuto ed attualmente sulla Terra quindi invia un sicario ad ucciderlo. Interessante la figura del sicario, un puzzolente mutaforma Zandozan, che non possibile non associare ad un megamix di personaggi di Guerre Stellari compreso il controverso Boba Fet. Fortunatamente il killer un p imbranato e, complice pure la doppia presenza di Alex, questo riesce a sfuggire agli agguati e a tornare su Rylos finalmente convinto di accettare la sua missione. Appena arrivato apprende che dalla disfatta una nave stata fortunosamente salvata da un navigatore, Grig, un simpatico rettile umanoide che durante l'attacco stava facendo manutenzione al suo Gunstar e per forza di cose diventer il copilota di Alex (tra l'altro dotato di photo-frame portatile col quale mostra i componenti della sua famiglia, sono ricuro che i tamarri in sala avranno cominciato a sudare in presenza di tale gadget). Da questo punto in poi il film decolla da b-movie di riscatto sociale a gioiello tecnologico. Il Gunstar renderizzato con una computergrafica assolutamente fuori parametro per i canoni di met anni '80 ed il combattimento contro l'armata Kodan un piacere per gli occhi. Gli effetti speciali "standard", quali scenografie e costumi, ad essere sinceri sono ben al di sotto di quello a cui ci aveva abituato la trilogia di Guerre Stellari ma la parte in esterno detta nuove regole per i film di fantascienza a venire. La battaglia raggiunge la massima espressione di se quando la Gunstar fa uso della sua arma finale, chiamata platealmente "fiore della morte", praticamente dando fondo a tutta sua riserve di energia questa inizia a ruotare vorticosamente su se stessa lanciando istantaneamente tutto il suo arsenale in un'orgia di luci ed esplosioni. Come possibile che siano stati tratti videogiochi da qualsiasi fesseria di film e da questa rarissima ed eccezionale occasione invece non se ne sia fatto nulla? Voci dicono che Atari abbia abbandonato il progetto a causa degli scarsi incassi e che al suo posto abbia prodotto Star Raiders proponendo la stessa meccanica. Vista la politica commerciale suicida di Atari in quegli anni ci posso anche credere, comunque per tutto questo tempo ho continuato a pensare che un tributo ludico questo film avrebbe dovuto averlo per diritto. Solo di recente ho scoperto che effettivamente qualcuno l'ha fatto, amatorialmente ma con un notevole risultato, infatti da questo sito potrete scaricare il gioco per PC di Starfighter come ce lo siamo sognato vent' anni fa: http://www.roguesynapse.com/games/last_starfighter.php Interessante notare che nel 1985 mentre in europa vivevamo all'ombra del decadimento ludico americano, in giappone le cose andavano diversamente, esistevano gi piattaforme su stardard MSX, come il Pioneer PX-V7, capaci di far girare videogiochi su Laserdisc in tutto lo splendore della grafica 3D, anche se prerenderizzata. Tra i titoli disponibili uno si chiama non a caso Starfighters. Come stato possibile che mi sia potuto perdere la prima di un film del genere considerando pure che nelle pagine di Videogiochi si anticipavano i fasti tecnologici, la tecnica innovativa adottate e la sua attinenza con i videogiochi? Probabilmente The Last Starfighter quell'anno rimase eclissato dalla massiva uscita di film fantastici e di successo, davvero tanti nell' 84, robe come La Storia Infinita, Ghostbusters, Dune, Indiana Jones, Terminator, Alba Rossa, Starman, Gremlins, Star Trek III, Ladyhawke etc... etc.. Fortunatamente tempo addietro l'uscita riuscii a vederlo su un'emittente privata. Ad oggi non possibile averne una copia su DVD visto che non ne stata fatta un'uscita su tale supporto in italia ma solo su VHS, speriamo di averne presto una versione ufficiale nella nostra lingua almeno sui nuovi supporti ad alta definizione.


The Last StarfighterThe Last StarfighterThe Last Starfighter 
The Last StarfighterThe Last StarfighterThe Last Starfighter
The Last StarfighterThe Last StarfighterThe Last Starfighter
The Last StarfighterThe Last StarfighterThe Last Starfighter